Cronachesorprese

7 Febbraio 2020

Lasciatemi canticare, sono un ciarlatano

Filed under: cronache,Il cristiano informale — alessandro @

Sulla questione del Cantico dei Cantici recitato da Benigni a Sanremo condivido questo post, e aggiungo alcune osservazioni.
1 – È profondamente disonesto dire che le traduzioni circolanti non sono “il testo originale” che sarebbe stato nascosto e travisato, o comunque addomesticato nel tempo sotto versioni più morigerate. Come ha notato giustamente Achille Damasco dal quale condivido questo post, un’uscita così serve solo a connettersi con un pubblico complottista. Io non conosco l’ebraico, ma so che bisogna andarci piano a dire “il testo originale non dice così”, come se i masoreti che nel primo millennio hanno vocalizzato il canone ebraico, sul cui lavoro si basano le attuali traduzioni comprese quelle cristiane, si fossero presi strane libertà o avessero voluto nascondere il reale significato di un testo che peraltro è sempre stato molto popolare nella cultura ebraica. Ora io non so che hanno da dire gli esperti citati da Benigni ieri (o meglio, chiamati a garanti di un gioco furbetto), ma vorrei tanto che Ravasi e gli altri facessero sapere che cosa hanno detto al comico toscano, sempre ammesso che siano stati realmente consultati.
2 – Una volta per tutte: il senso allegorico e simbolico non nega né sovrascrive il significato letterale. E nessuno, ripeto nessun cattolico né cristiano sostiene che il Cantico non abbia contenuti erotici (qualche sprovveduto oggi nel fuoco della polemica lo afferma, ma davvero non sa quello che dice e probabilmente non ha mai letto il libro). E tuttavia ridurre il Cantico a un raccontino scollacciato pornosoft, come ha fatto ieri nella sua lunga e pedante introduzione Benigni (pur concedendo l’onore delle armi, per così dire, all’amour, ah l’amour), non è solo da ignoranti, è semplicemente impossibile. “Mettimi come sigillo sul tuo cuore, come sigillo sul tuo braccio: perché forte come la morte è l’amore, tenace come gli inferi è la passione: le sue vampe son vampe di fuoco, una fiamma del Signore!” Mi spiace per i laicizzatori compulsivi, ma questa è religiosità al mille per cento. Certo se partono dal falso presupposto che la religiosità sia possibile solo attraverso la negazione della materia e del corpo, se pensano, per fare un esempio che è ben presente a tutti, che Michelangelo non fosse cristiano (perché era omosessuale, magari: ma che ottusità, che anacronismo scemo!) e invece quelli che hanno messo i braghettoni alle figure nella Sistina sì, non ci arrivano. Il Cantico, e la sua recezione entusiasta nella cultura cristiana fin dai primi secoli, può aiutarli a intravedere un barlume di verità: non è mai troppo tardi.
3 – Bisognerebbe rileggere spesso, e dare da studiare nei licei, un saggetto fondamentale di Schiller, “Sulla poesia ingenua e sentimentale” che spiega la differenza tra la poesia epica in tutte le sue forme (anche quella amorosa), che nasce dall’interno dell’esperienza di un popolo quasi come un fiume sgorga naturalmente dalla sua sorgente, e la poesia segnata dalla nostalgia di un mondo perduto, quella in cui la soggettività dell’autore e i sentimenti che prova diventano preponderanti rispetto al contenuto da narrare, perché quel contenuto è in qualche modo distaccato e lontano dall’esperienza reale. La poesia “ingenua” è, per così dire, psicanaliticamente inconsapevole, e anche in questo sta la sua grande forza. Anche nei grandi mistici la passione, l’ardore, il fuoco dell’amore che li consuma sono indistinguibili in alcuni momenti dal desiderio sessuale, e hai voglia a dire che è eros sublimato: ma neanche per sogno, è eros totale, totalizzante, che ha messo Dio come oggetto del desiderio. Dire che è sublimazione non significa essere più furbi, significa condannarsi a non capire. Il Cantico fa parte di questo tipo di letteratura. Quindi le allusioni e le simbologie sessuali disseminate nel testo non è detto che siano consapevoli, anzi io penso che in larga parte non lo siano. Per questo non so quanto sia corretto, e funzionale alla resa poetica, esplicitarle in un traduzione. Ora a me pare che Benigni ieri abbia fatto almeno in parte proprio questo. Se Ravasi e compagnia pensano di no e vengono a spiegarmi perché, me ne sto.
4 – Ad ogni modo, come hanno detto molti altri, sono ben contento che si parli così tanto del Cantico. Non voglio sprecare tempo ed energie in indignazioni virtuose fuori luogo, ma far passare il giochino del Benigni demistificatore no, è davvero troppo. È riuscito ad accreditarsi come quello che ha il ruolo di parlare in modo leggero di argomenti alti, ma guarda caso ha sempre la massima cura nel vellicare la mentalità dominante. Non sono sassi nello stagno i suoi, sono conferme di ciò che il potere ha deciso da tempo riguardo all’indirizzo che deve prendere la morale pubblica, il costume dei bravi cittadini. Triste eterogenesi del guitto irriverente.

aggiornamento

Sono stato in osservazione qualche giorno, sicuro che sarebbero usciti diversi articoli più o meno approfonditi di reazione alla provocazione di Benigni. Ho scelto questi.

Emanuele Boffi – Benigni ha ridotto il Cantico a un poemetto erotico – Tempi
Ignazio La China – Benigni, il furbetto che sfrutta l’ignoranza della gente – Tempi
Rosalba Manes – Non il canto dell’amore libero ma dell’eros redento – Agensir
Lucia Bellaspiga – Il Cantico dei Cantici, Benigni e quel cedimento al «poeticamente corretto» – Avvenire
Marco Grieco – Gandolfini contro Benigni, Ravasi e Avvenire plaudono – In Terris
Finestre sull’arte – Anche Benigni provoca il pubblico di Sanremo
Rosanna Virgili – La lunga passione della scrittura (e il valore della competenza) – Avvenire

1 Gennaio 2020

Quello che gli extraterrestri non sanno

Filed under: cronache — alessandro @

Sta girando molto un’immagine di due extraterrestri che parlano tra loro e dicono:
“Ma cosa festeggiano?”
“Il loro pianeta ha fatto un giro completo intorno alla stella”
“Te l’avevo detto che non erano intelligenti”.
Vedo che molti la apprezzano e la trovano divertente: a me non piace. Sì, l’uomo è un animale simbolico, diceva Cassirer. Ed è vero. Vuol dire forse che è poco intelligente? La ritualità, l’attività simbolica innestate sulla definizione di segni convenzionali condivisi per descrivere una regolarità che non è inventata (perché la terra gira davvero intorno al sole in un periodo preciso) è segno forse di scarsa intelligenza? Un ciclo di tempo, di stagioni, di eventi astronomici che si ripete sempre uguale non dovrebbe avere alcuna incidenza sulla coscienza, sulle abitudini delle comunità umane? Mi sembra davvero un’idea molto misera di “intelligenza”; nonostante ciò, non direi mai che chi ride per quell’immagine sia “poco intelligente”. Penso piuttosto che rida degli eccessi di entusiasmo, dell’obbligo di “divertirsi a capodanno”, del parossismo che spesso accompagna la celebrazione dell’inizio di un nuovo anno e che causa anche incidenti assurdi: se l’intenzione è quella ci sto dentro.

ZT software tool: http://ipv6.ztsoftware.net/ipv4-to-ipv6/

Però credo che sia bello e giusto fermarsi una volta all’anno e ricordarsi che qualcosa ricomincia, e dire simbolicamente che un anno “nasce”. Anche se la data del capodanno è un termine convenzionale non dovrebbe offendere l’intelligenza di nessuno, perché comunque qualcosa si ripete, ed è una ripetizione che dà certezza e struttura alla vita. Non facciamo i superuomini, che tanto siamo terrestri: con la terra giriamo da sempre, extraterrestri non lo saremo mai, e a me non dispiace per niente. E soprattutto non spaventiamoci della nostra insopprimibile necessità di rappresentare la realtà attraverso simboli, e di cercare senso e significato. Maria, Madre di Dio, oggi è la tua festa: tu che hai portato in grembo il senso di tutto, non farmi scandalizzare mai del mio desiderio di cercarlo.
Buon 2020, e buoni anni venti a tutti: che siano ruggenti, ma senza proibizionismo! E magari anche senza snobismi e sociopatie travestite da razionalismo.

12 Dicembre 2019

Casapound e il buon senso di un tribunale

Filed under: cronache — alessandro @

L’unica cosa che poteva fare un tribunale. Meglio così, stoppato un pericoloso precedente che potenzialmente sarebbe andato contro chiunque sia bersaglio di un certo numero di segnalazioni. Chi esulta o storce il naso facendo parlare soltanto le proprie simpatie/antipatie politiche passa sopra l’importanza del caso, in un senso o in un altro.
“il rapporto tra Facebook e l’utente che intenda registrarsi al servizio (o con l’utente già abilitato al servizio come nel caso in esame) non è assimilabile al rapporto tra due soggetti privati qualsiasi in quanto una delle parti, appunto Facebook, ricopre una speciale posizione: tale speciale posizione comporta che Facebook, nella contrattazione con gli utenti, debba strettamente attenersi al rispetto dei principi costituzionali e ordinamentali finché non si dimostri (con accertamento da compiere attraverso una fase a cognizione piena) la loro violazione da parte dell’utente. Il rispetto dei principi costituzionali e ordinamentali costituisce per il soggetto Facebook ad un tempo condizione e limite nel rapporto con gli utenti che chiedano l’accesso al proprio servizio”.
L’unico modo per uscire da questa situazione, relativamente a Casapound, è metterla fuorilegge. cosa che potrebbe anche avvenire in forza di leggi già esistenti. Finché è un’associazione, una persona giuridica, nonché un partito che si presenta alle elezioni, deve poter aprire sedi, manifestare in piazza, gestire una pagina facebook. Non si scappa.
E non vale invocare il paradosso della tolleranza: anche se non fosse, com’è, una palese petiio principii, un tribunale non potrebbe farlo valere se non andando contro le leggi.

2 Dicembre 2019

Per una volta che la riabilitazione funziona…

Filed under: cronache — alessandro @

Erika De Nardo si è sposata. Senza voler sminuire la tragedia da cui questa storia è nata, penso che il suo caso sia un successo del sistema carcerario, che esiste per la punizione ma anche per la riabilitazione. Erika era troppo giovane, con una personalità problematica ma ancora in formazione. Oggi è un’altra persona. La sua pena, quella che nessuno le potrà togliere e che durerà più di un ergastolo, come hanno già detto altri, è il ricordo di quanto ha commesso. Non esiste alcuna possibilità di reiterazione di un reato simile ed è questa la motivazione principale che sta alla base della sua scarcerazione. Erika non è una “natural born killer” che uccidendo ha preso gusto al sangue e ha rotto dentro di sé l’appartenenza alla sua famiglia e alla società, come avviene in altri casi. E di questa evoluzione, di questo cambiamento che in termini religiosi si chiamerebbe conversione (ma non so se Erika sia credente) ha merito innanzitutto il padre, che è stato un grandissimo padre dall’inizio alla fine.
Chiamiamo eroe chiunque porga una mano a qualcuno in difficoltà durante un’alluvione o un terremoto, e non siamo in grado di riconoscere la virtù eroica di un uomo che ha teso la mano a chi gli ha ucciso una moglie e un figlio. Come un soccorritore che si trovi sulla scena di un disastro, lui era l’unico che poteva tendere quella mano, perché era il padre, l’unica possibilità residua di esistenza di una famiglia lacerata; ma a differenza di un volontario di protezione civile o di un vigile del fuoco, per farlo ha dovuto protrarre lo sforzo di quella mano tesa per anni e sopprimere un naturale risentimento che poteva avere: ha deciso di non coltivarlo, di non farlo crescere, di abortirlo, e ha fatto il padre secondo una misura di amore davvero soprannaturale. Ricordo che alcuni giornalisti e commentatori stolti lo dipingevano come un debole, come un succube della figlia, ma in realtà era un gigante e ora dovrebbe essere chiaro a tutti.
Se fossi il presidente della Repubblica darei una medaglia al valor civile al signor Di Nardo, per aver dato sostanza, attraversando un dolore immenso, all’enunciato dell’articolo 27 della Costituzione.

5 Ottobre 2019

#Maatecosatitoglie #1

Filed under: cronache,Il postulante de-genere — alessandro @

Episodio gravissimo. La decisione della corte è in conseguenza dei fatti già riportati dalla stampa a luglio. A essere onesti, l’argomentazione difensiva che tira in ballo la fede è sbagliata o almeno inopportuna, perché rifiutarsi di usare un pronome femminile per rivolgersi a chi, in tutta evidenza, donna non è, non è questione di fede ma di semplice ragione e, direi, buon senso. Quel buon senso che molti giudici inglesi negli ultimi anni sembrano aver dimenticato. Però la risposta è inaccettabile e mette in questione la libertà religiosa e, naturalmente, di pensiero. Resistere.

Pagina successiva »

Powered by WordPress. Theme by H P Nadig