Cronachesorprese

24 maggio 2017

Tutto è puro per i puri di Manchester

Filed under: Il cristiano informale — alessandro @

Potete immaginarvi quanto mi piaccia questo video. Ma dopo aver letto certe cose scritte da chi dovrebbe essere guida ed esempio di altri io questo video lo prendo e lo attacco sulla bacheca, è il mio manifesto di oggi. E giuro che fino all’altra sera non sapevo neanche chi fosse Ariana Grande.

L’idea di creare una società di puri in un mondo separato non è la mia idea di cristianesimo, e a mio modesto parere non c’entra proprio nulla con il cristianesimo ma con un’idea di controllo dei costumi che serve al controllo della società, *e quindi* fa male alla Chiesa. Tutte le volte che la Chiesa si è resa mera funzione di controllo dei costumi e di controllo sociale ha tradito se stessa e ha perso i suoi figli per strada, perché ha rinunciato alla possibilità di conquistare i cuori. Grazie a Dio non è mai stata solo questo. Se fosse stata solo questo, come pensano in molti (sbagliando), non esisterebbe più da secoli. Ma quindi chiediamoci quanto attraverso di noi può ancora vivere. E chiediamoci se non è proprio la “separatezza” la risposta che vorrebbero gli attentatori dai cristiani. Noi non siamo come loro? Vero, ma se ci separiamo dal resto della società cominciamo a essere come loro. L’Europa è altro. Grazie a Dio (e non all’Illuminismo: ma con certi argomenti non riusciremo mai a dimostrarlo, e men che meno a mostrarlo).

Poi non giudico, non entro nel merito perché non ho figli. Ma penso che se fossi genitore non impedirei ai miei figli di andare a vedere Ariana Grande. Non penso proprio. Penso invece che cercherei di ragionare con loro su ciò che andranno a vedere e spiegherei perché non mi piace, e magari li prenderei bonariamente in giro, stando attento però a non mortificarli. Forse andrei con loro, come hanno fatto molti genitori a Manchester, o forse li accompagnerei all’entrata e li andrei a prendere all’uscita, lasciando che si godano quel momento tra pari. Non lo so, ripeto, posso solo immaginarlo. Ma come potrei pensare di sottrarre completamente mio figlio all’esposizione a cose che non approvo? Intanto, *che cosa* non approvo? Tutto nell’esperienza è sempre un misto di buono e cattivo, da dove dovrei cominciare? Quello che serve è un rapporto vero con i figli, non una loro incontaminazione impossibile e disumana.

- facebook

15 aprile 2017

Fraternité? Dov’è?

Filed under: Il cristiano informale — alessandro @

La Croix intervista Marine Le Pen e io mi chiedo se i cattolici francesi, che ho tanto ammirato quattro anni fa per lo stile della Manif pour tous, pensano davvero di votare questa qui. Mi auguro di no.

“Sono arrabbiata con la Chiesa perché si occupa di tutto tranne che di ciò che la riguarda”.

Quindi è Madame Le Pen che decide di che cosa si deve occupare la Chiesa? Preferisco di gran lunga un ateo a un sedicente cristiano come lei, questo è il pensiero di una certa borghesia a cui interessa solo una “spruzzata” di valori religiosi perché è funzionale al controllo sociale.

“La carità non può essere che individuale”.

Quindi qualsiasi principio solidaristico di ispirazione cristiana, cioé la parte migliore dell’impegno politico dei cristiani, il loro contributo migliore al processo democratico degli ultimi 200 anni, non ha alcun valore: per questa qui la “carità” non deve ispirare impegno sociale e politico, è solo una roba sentimentale e narcisistica da dame di carità.

“Che il Papa esiga (sic) dagli Stati di andare contro gli interessi dei popoli non mettendo condizioni all’accoglienza di un’immigrazione imponente per me ha rilevanza politica e costituisce un’ingerenza, perché è anche il capo di uno Stato”.

Quindi il Papa che a Lampedusa mette l’Europa di fronte a un clamoroso fallimento dei suoi valori, della sua ragion d’essere “esige”? No cara, fa solo da specchio di quello che siamo diventati, e se questo dà fastidio alle dame di carità tue amiche che evidentemente non si guardano mai allo specchio non so che farci, questa è la realtà.

Trovo queste tre affermazioni di Marine Le Pen sbagliate, non condivisibili in nulla. Ma sono animate dalla stessa idea di “non ingerenza” propugnata anche dai suoi avversari politici. È la stessa idea offensiva in base alla quale se fai politica secondo un’ispirazione cristiana sei solo un conformista e un vassallo di uno stato straniero, non puoi essere sinceramente convinto di fare del tuo meglio per il bene comune. Il laicismo è cattiva laicità ed è sempre sbagliato, da qualsiasi parte venga.

22 marzo 2017

Gender is fluid like a fish needs a bicycle

Filed under: Il postulante de-genere — alessandro @

La Stampa segnala un blog di una madre che vuole far sapere che suo figlio è “gender fluid”.

Leggo uno degli articoli del blog:

Certamente non mi era nemmeno passato per l’anticamera del cervello che tra il maschio e femmina potesse esserci tutta una gamma di esistenze. Poi mi sposo e nasce mio figlio. Bello, sano, buono (non troppo…) E piano piano questa creatura che non può certo aver subito nessuna possibile influenza esterna, mi mostra come l’essere in possesso di un tipo di organo sessuale non lo renda “tipico” del genere rappresentato da quello stesso organo. Anzi mi accorgo che mio figlio ha molte più tipicità femminili che maschili. E ciò nonostante continua a essere bello e sano. Mi domando come sia possibile. Mi stupisco. Aspetto. E inizio a imparare. E credetemi, per me sarebbe stato TANTO più semplice se lui si fosse vestito di blu e avesse giocato a calcio!

Anche nell’intervista alla Stampa la mamma in questione mette insieme un sacco di roba che mi lascia perplesso:

Per le creature genderfluid e transgender è salvifico un protocollo di somministrazione dei bloccanti, gli stessi già regolarmente usati per la pubertà precoce. Si tratta di inibitori ipotalamici che bloccano la produzione degli ormoni e ritardano quindi l’arrivo della pubertà ormai sempre più precoce lasciando il tempo di maturare la decisione riguardo la propria transizione verso il sesso a cui si sente di appartenere senza la pressione psicologica di un corpo che cambia che può inevitabilmente portare a comportamenti disforici. Tale protocollo creato in Olanda e utilizzato in molti paesi del mondo, in Italia, purtroppo, è ammesso solo in caso di pericolo di vita, ovvero se il ragazzo, disperato, ha tentato il suicidio». I bloccanti invece sono reversibili; significa che quando vengono interrotti lasciano fare alla natura il proprio corso nello sviluppo puberale e quindi evitano decisioni affrettate…
…Le bambine sono giustamente libere di esplorare il genere maschile, di indossare pantaloni, costumi di spider e fare skate: questo le arricchisce e le fa crescere più forti e consapevoli. Diamo anche ai maschi questa possibilità. Bisogna capire che la normalità non esiste e che la diversità, intesa come varietà, è la vera ricchezza del genere umano

Grande confusione sotto il cielo. Se l’auspicio è che i maschi possano sperimentare attività tradizionalmente femminili senza sentirsi presi di mira, perché parlare di fluidità “di genere”? È contraddittorio affermare che non esistono inclinazioni maschili o femminili a un’attività o a un modo di vestire (affermazione a mio parere condivisibile, almeno in parte) e contemporaneamente etichettare un bambino con un comportamento in controtendenza rispetto ai suoi pari come “gender fluid”. La fluidità e solo tra attività che il bambino non vuole associare a uno dei due generi, non propriamente una fluidità di genere.
Come poi si possa associare questo fenomeno al transessualismo e ipotizzare di bloccare lo sviluppo ormonale per “evitare comportamenti disforici” rimane un mistero.

- facebook

15 marzo 2017

Antropologia portami via

Filed under: Il postulante de-genere — alessandro @

Levi Strauss, suo articolo ripreso oggi da Repubblica:

«L’antropologia rivela che quanto consideriamo come “naturale”, fondato sull’ordine delle cose, si riduce a costrizioni e abitudini mentali proprie della nostra cultura. Ci aiuta dunque a sbarazzarsi dei nostri paraocchi. In secondo luogo, i fatti che raccogliamo rappresentano un’esperienza umana molto ampia perché provengono da migliaia di società che si sono succedute nei secoli. Aiutiamo in questo modo a mostrare quelli che si possono considerare come degli “universali” della natura umana».

Questo vezzo intellettualistico del tentare di tappare la bocca agli altri con la presunta superiorità dell’antropologia culturale ha veramente stancato, e non solo perché è infarcito di fallacie di ogni genere. Il fatto è che “naturale” non è “primordiale” (c’è ancora un pregiudizio rousseauiano enorme nella cultura cosiddetta progressista, e davvero non avrei mai pensato che avrei dovuto difendere Kant contro questa impostazione, ma davvero sarebbe già un buon risultato se si arrivasse ai suoi universali etici) ma le potenzialità che di una natura si rivelano anche nel tempo, in prospettiva diacronica. E anche la pretesa che qualsiasi ragionamento sulla natura in ottica prescrittiva sia viziato da una fallacia naturalistica non è, come vorrebbero, pura logica, ma la conseguenza di una impostazione filosofica ben precisa, che si può condividere o no. E io non la condivido :-)

- facebook

Post correlati

24 settembre 2012 – Quante famiglie per il bravo scrittore?

1 marzo 2017

Laico o antisociale?

Filed under: tutto considerato — alessandro @

In definitiva. Molti pensano, sbagliando, che in Italia lo Stato sia imbrigliato da una morale religiosa. Non è vero, ma in ogni caso quale è la soluzione che indicano? Uno Stato al servizio delle morali individuali. Una morale condivisa da molti dovrebbe stare confinata nella sfera del privato, invece la morale del singolo, anche quando ha connotati chiaramente antisociali, deve avere rilevanza pubblica. Non so, per me non funziona.

Discussione su facebook

« Pagina precedentePagina successiva »

Powered by WordPress. Theme by H P Nadig