Cronachesorprese

25 novembre 2013

Non sono un cittadino esemplare

Filed under: parole, non fatti — alessandro @

“Sono un cittadino esemplare”. Non importa che sia Berlusconi a dirlo o un altro. Ovvero, non importa il grado di credibilità di chi lo dice. Per me è comunque una sparata abnorme. Rimango sempre interdetto da manifestazioni così clamorose di perfetta autoreferenzialità.

Io non sono un cittadino esemplare. Ma anche se pensassi di poter essere di esempio per qualcuno in qualche virtù civica non lo direi mai di me stesso. Sono quelle cose che devono dire gli altri, se ne sentono il bisogno per qualche motivo. Fosse anche servilismo.

Poi ci sono quelli che le virtù civiche le vedono nella loro parte politica, e solo in quella, perfettamente diffuse e distribuite come pepe sulla ribollita. Quelli sono forse un po’ meno egocentrici, ma non mi piacciono ugualmente.

9 agosto 2012

Ammartìto

Filed under: parole, non fatti — alessandro @

Ringrazio WordPress perché ha la saggezza di non correggere automaticamente il titolo di questo post. Ringrazio Galliolus per aver ricostruito bene la disputa che quarant’anni fa verteva sulla parola allunare e oggi si è spostata ovviamente su ammartare. Giocando un po’ (e sapendo di dire una castroneria etimologica) dico che se uno spavento terrestre può farmi rimanere atterrito, uno spavento marziano non può che farmi rimanere ammartìto.

Questo per dire che sono moderatamente in disaccordo con Galliolus e con i sostenitori della variazione galattica della parola atterrare. Diciamo che è un gioco che può reggere per un po’, per i prossimi due o tre secoli, finché la conquista di nuovi corpi celesti rimarrà un fatto relativamente episodico. Quando riempiremo di impronte umane o meccaniche l’intero sistema solare sarà una babele stellare. La sonda che arriva su Io cosa fa, “àia”? “aiàtta”? Esegue un “aiàggio”?E quella che arriva su Ganimede? Si tratta a mio parere di un errore di prospettiva: si pensa cioé che per un fatto nuovo e senza precedenti sia necessario, o molto opportuno, inventare nuove parole. Anche per dimostrare che una lingua è ricca e viva. Ma la ricchezza di una lingua non consiste soltanto nell’inventare nuove parole ma anche nel dare a una parola nuovi significati (o un campo di significato più vasto) attraverso quella grande risorsa (non solo linguistica) che è la metafora. Io me ne starei della primogenitura della parola atterrare e guarderei con poetica soddisfazione (e non con burocratica severità) la sua estensione metaforica a tutti gli atterraggi cosmici. Potrebbe ricordare un giorno agli immemori viaggiatori di un’Enterprise da dove sono partiti.

Ma va bene, non mi fa tanto problema l’ammartare. Mi suona solo un po’ male, una questione estetica. Allunare mi dà meno fastidio, sarà perché la sento da quando ero bambino ma il suono mi piace di più . Non ne farei comunque una questione di precisione scientifica come accade nell’ultimo post del buon Attivissimo che infierisce su un articolo pubblicato sul Secolo XIX. Il disinformatico in questi giorni è infervorato come poche altre volte, un entusiasmo più che comprensibile per un appassionato di esplorazione extraterrestre come lui, e calca un po’ la mano. Nella foga non si accorge (glie lo fa notare un lettore in un commento) che “ammaraggio” probabilmente non è una bestialità voluta ma un colpo basso di un correttore automatico: lo sventurato Ventura (l’autore dell’articolo preso di mira da attivissimo) voleva scrivere *semplicemente* ammarTaggio.

Io l’ho sempre detto: Word e il suo infernale correttore possono anche andare bene finché si scrive per fare raccomandate o bolle di accompagnamento. Ma per un redattore il correttore automatico è il primo nemico. Perché pretende di automatizzare una cura, un’attenzione che è una delle prerogative del lavoro redazionale umano. E perché mette una media di occorrenze che solo i miopi chiamano “correttezza” davanti all’opportunità magica e vertiginosa (eppure anche necessaria, a volte) di *sbagliare apposta* una parola.

14 settembre 2011

I coatti dell’informazione

Filed under: parole, non fatti — alessandro @

Valigia blu sta diventando una lettura indispensabile. Per fare corretta informazione non è sempre necessario fare grandi indagini. Basta ascoltare e riportare. Cosa che qualche giornalista evidentemente non fa. I titoli del giorno si fanno su parole d’ordine che non si desumono sempre dai fatti. Quella di ieri era “accompagnamento coatto”. Che peso reale aveva nel fatto della richiesta di audizione (neanche di interrogatorio) avanzata dalla procura di Napoli al Presidente del Consiglio? Lo spiega bene Valigia Blu. E dà un’altra lezione di metodo.

15 febbraio 2011

Marra, Marrismo o Marresimo?

Filed under: parole, non fatti — alessandro @

Devo confessare che fino ad oggi avevo evitato di informarmi su chi è e cosa scrive Alfonso Luigi Marra.
E mi ero perso anche la straordinaria intervista di Buttafuoco su Panorama.

Con i soldi si può comprare quasi tutto, si dice. C’è chi si compra i favori di ragazze compiacenti, chi si compra un giudice, chi si compra la libertà di inquinare. C’è chi si compra il parlamento per piegare le leggi alla sua volontà. Marra si compra la libertà di piegare la lingua italiana alle sue idee.

Questo è un dato. Non è un giudizio sulle idee di Marra, e non può esserlo. La lingua però è un filtro importante dei pensieri e delle idee. E non basta una grande ignoranza per snobbare il suo tribunale. Ci vuole anche una grande spregiudicatezza. E naturalmente un ego smisurato. Non so ancora se ciò che Marra sostiene sulle banche e sui poteri economici sia degno di essere preso in considerazione. Che i banchieri siano spregiudicati non mi pare una grande notizia. Ma che vengano attaccati da uno così violento e spregiudicato nei confronti della lingua italiana me li fa diventare, istintivamente, quasi simpatici.

10 dicembre 2010

Colpire Ar Core

Filed under: news factory,parole, non fatti — alessandro @

Sarà vero quello che dice Travaglio, che Berlusconi ha fregato Renzi invitandolo ad Arcore?
Dipende.

Chi pecca per troppa ingenuità in questo caso? Renzi che concede a Berlusconi l’immagine del leader che sa riconoscere i giovani di valore al di là degli schieramenti? O Berlusconi che concede a Renzi l’immagine del giovane ambizioso che si può permettere di andare nella tana del lupo senza smettere di parlarne da avversario totale, senza compromessi?

Non lo so. Però mi sembra quasi superstiziosa la posizione di Travaglio. “Se tocchi la tana del bunga bunga sei fregato, sei lordato”. Ma che ragionamento è? Forse per un giornalista o per un comunicatore ha un senso, per un politico un po’ meno: il politico, e soprattutto il politico con responsabilità di amministrazione, va dove può ottenere dei risultati. E ci sono dei momenti e delle circostanze in cui il significato simbolico del luogo di un incontro ha meno importanza di quello che puoi portare a casa. Sempre ammesso, ripeto, che il gioco dei simboli sia sicuramente a detrimento del visitatore e non del padrone di casa.

Ma tra i cronisti politici italiani c’è da sempre questa tendenza a enfatizzare luoghi e circostanze dei fatti o degli incontri tra politici. Il patto del camper. Il patto della crostata. Il partito del predellino. Il linguaggio giornalistico non può fare a meno di coniare queste espressioni, ha una sua utilità: la maggior parte dei lettori capisce di cosa si sta parlando senza necessità di dover ripercorrere la storia tutte le volte. Ma diventano anche facilmente giudizi moralistici, quasi dei marchi di scelleratezza.

Non so quanto queste abitudini giornalistiche aumentino l’attitudine critica dei lettori. Per capirlo si potrebbe fare un bel sondaggio e chiedere: Renzi è andato a trovare Berlusconi ad Arcore per trattare o discutere di cosa? Se la maggior parte di quelli che erano al corrente della visita ne sanno anche spiegare l’occasione e il motivo, l’insistenza di Travaglio e dei giornalisti come lui sul “si fa o non si fa, è sconveniente o no” ha un senso. Altrimenti no.

Aggiornamento del 13 dicembre

Segnalo la risposta di Renzi sul suo profilo Facebook. Non so cosa c’è nel suo futuro politico, ma per me ha guadagnato dei punti. “Chi ogni due ore riposta le stesse domande ha un’emergenza affettiva preoccupante”. Già, un problema non da poco. Non capisco a cosa serve cercare un contatto più diretto con i propri politici di riferimento attraverso internet se poi non si è disposti a valutare gli argomenti e le ragioni. Renzi ha risposto alle obiezioni. A mio parere l’ha fatto in maniera convincente. Ma chi non è convinto dovrebbe ribattere approfondendo la propria obiezione, non riproponendola tale e quale. Questa ostinazione è un buon esempio di moralismo politico. Difficile scegliere tra questa incapacità dialettica e l’appecoronamento dei fan inossidabili di Silvio. Continuo a sperare in altro.

Aggiornamento del 15 dicembre

A chi avrà voglia di storcere il naso anche per il libro in uscita nel 2011 per Mondadori ricordo, in primo luogo, la polemica di qualche mese fa, e in secondo luogo di andarsi a vedere l’elenco di tutti i duri e puri che hanno pubblicato e continueranno a pubblicare per la stessa casa editrice.

Pagina successiva »

Powered by WordPress. Theme by H P Nadig