Cronachesorprese

4 ottobre 2012

Schifani, il Tg1 e le conferenze stampa coreografiche

Filed under: news factory — alessandro @

Grazie a Valigia blu per l’ospitalità :-)

24 aprile 2012

Ruby facts

Filed under: news factory — alessandro @

Non si sottolineerà mai abbastanza il potere di selezione sui fatti che hanno i giornali. Possono essere anche dettagli e possono forse cambiare poco, ma se un dettaglio va contro l’impostazione editoriale della testata su una vicenda, e soprattutto se il dettaglio richiederebbe un approfondimento o almeno una riflessione, il dettaglio rischia l’omissione o la censura.

Ieri il sito di Repubblica ha (ri?)pubblicato l’intercettazione in cui Karima el Mahroug, meglio nota come Ruby, parla con un’amica all’indomani dello scoppio del caso che la riguarda. Cose non nuove. Il Giornale fa un’ipotesi sul perché siano state riprese adesso, ma non è questo che mi interessa. Ciò che voglio sottolineare è altro e, beninteso, non è strano, ma vorrei che facesse strano: Repubblica e altri giornali non hanno messo in evidenza nei titoli e negli articoli il passaggio dell’intercettazione in cui Ruby nega di aver fatto sesso con l’allora Presidente del Consiglio. Se il materiale non è nuovo e non fa notizia, allora perché ritirarlo fuori? Se invece fa notizia, perché non mettere in evidenza tutti gli elementi obiettivamente notiziabili, compreso quello? La stessa domanda se la fa Linkiesta, testata online non certo tenera con i politici di qualsiasi schieramento.

Ma almeno Repubblica l’intercettazione la fa sentire. Il Fatto quotidiano di oggi invece, a pagina 8, riportando ampi brani della trascrizione omette proprio quella frase, così:

Torna come un’ossessione il riferimento ai soldi. Ad Antonella: “Vado a casa sua. Siamo amici da un anno. Solo che la gente pensa al male perché vedono una ragazza bella che va a casa di Silvio, lui che la riempie di soldi, perché ogni settimana mi dava 47mila euro (…). Come amante di Berlusconi, le ho detto, è una fortuna incredibile… Lui è pazzo per me in questo momento”.

Subito dopo quel (…) Ruby dice: “dicono perché fa tutto questo per lei, perché comunque avrà avuto qualche cosa, avrà fatto sesso. Non è così”.

Quell’inciso sarà anche poco credibile, ma perché non riportarlo? Forse perché non si può riportare senza dare una spiegazione. Le spiegazioni possono essere diverse, ma il particolare in sé è interessante. Solo che lo spazio necessario alla spiegazione è spazio sottratto alla linearità di una tesi.

Trovo curioso che “Il Fatto” abbia tutte queste attenzioni per le tesi.

15 febbraio 2012

Il corollario di Murphy sulla notizia

Filed under: cronache,news factory — alessandro @

L’enunciato potrebbe essere: “Se qualcosa per qualcuno non va più male, non è notiziabile”. Oppure: “la notiziabilità di un fatto che è a favore dei bersagli preferiti di un giornale è inversamente proporzionale alla frequenza e alla grandezza dei titoli che si sono dedicati precedentemente alle cattive notizie contro gli stessi bersagli”.

Oggi viene naturalmente voglia di dedicarsi alla lettura di giornali inutili che secondo qualcuno andrebbero chiusi. Come sa chi frequenta questo blog, io ho un debole per i giornali inutili come Avvenire. Talmente inutile che è l’unico in Italia a dare la notizia dell’archiviazione di una delle cause scaturite dal caso Murphy. Che roba è? Oggi dire “caso Murphy” non evoca quasi niente, fa pensare giusto a una legge che prima o poi qualcuno dovrà riconoscere come scientifica. Ma due anni fa i titoli dei principali giornali italiani erano tutti per una delle cause scaturite da quella vicenda, come sottolinea giustamente Gianni Cardinale nel suo pezzo pubblicato sul superfluo sito dell’inutile giornale. Dove è finita quella notizia? Semplice, ora che il caso è archiviato non serve più. Non si possono più fare quei bei titoloni contro Ratzinger e il Vaticano. Peccato.

Da una rapida ricerca su Google News, negli ultimi due giorni oltre ad Avvenire e a Radio Vaticana hanno parlato di questa faccenda soltanto Tempi e tre testate online, Notizie Radicali, Giornalettismo e Blitz Quotidiano. Complimenti a tutti gli altri, in particolare a Repubblica che due anni fa guidava la rivolta degli indignados e oggi censura bellamente la notizia. Quali sono i giornali inutili? Solo Celentano può dirlo?

Articoli correlati

8 aprile 2010 – Ancora sulle menzogne del New York Times
7 aprile 2010 – Chi ha perso credibilità?
27 marzo 2010 – Aspettando le vere ragioni di un attacco

7 febbraio 2012

Cronache scalze

Filed under: cronache,news factory — alessandro @

Fa freddo, Vaticano ladro. Questa è l’unica certezza che rimane tra i neuroni semicongelati dei poveri redattori che devono resistere a pubblicare notizie con la coperta sulle spalle, aspettando che la Madre Russia riapra i rubinetti del gas. Possiamo perciò perdonarli se scrivono titoli un po’ in fretta e la tastiera batte dove il pregiudizio duole.
Arrivano i bollettini di storie minime dai mattinali delle questure, storie piccole ma preziose. Vedi ad esempio questa povera clochard che pare sia stata presa a calci dai carmelitani scalzi di Treviso. Pare? Ma che scherzi? È andata sicuramente così. E anche se non è andata così, vuoi forse rinunciare a tutti i contatti che possono arrivare dalle centinaia di migliaia di profili social pronti a rilanciare qualsiasi idiozia dia un po’ addosso a una tonaca o a un saio?
Il Corriere del Veneto non si fa sfuggire la stilettata e titola così:

Clochard fuori dal convento, i frati chiamano la polizia

Segue Leggo:

Treviso, la clochard respinta bussa al convento, i frati chiamano la polizia

E potevano forse farsi sfuggire l’occasione le solerti sentinelle di Uaar Ultimissime? Ecco il loro report asciutto e obiettivo, come sempre:

Treviso, senzatetto si rifugia in convento, frati chiamano polizia

Peccato che ai mattinali accedano anche redattori troppo ingenui, non allineati con l’intelletto agente laicista universale. A quello di Radio Veneto Uno la notizia sembra il soccorso, più che il rifiuto. Per una ragione semplice, quasi volgare, scalza nella sua essenzialità: il soccorso è un fatto obiettivo, il rifiuto è un’ipotesi. Non sia mai detto che sia una di quelle ipotesi fatte per malevolenza o pregiudizio, per carità.
Ad ogni modo il titolo della radio è questo:

Gelo nella notte, polizia soccorre una clochard

Chi si vuole fare un’idea di chi abbia fatto il lavoro migliore segua i link forniti e legga il dettaglio delle notizie.

6 aprile 2011

From revelation to coming out

Filed under: news factory — alessandro @

Non solo Gesù era gay, ma era anche iscritto a Sinistra e Libertà.
Anzi: Vendola è Gesù, ma ancora non si è rivelato.
Al prossimo congresso esordirà così: voi chE dite che io sia?

Pagina successiva »

Powered by WordPress. Theme by H P Nadig