Cronachesorprese

17 giugno 2018

Prospettive dell’obiezione

Filed under: cronache — alessandro @

In questo momento in Irlanda si può. Abortire? Sì, anche quello, ma soprattutto si può calcare la mano contro i cattolici. E puntualmente il Governo lo fa, guarda che strano. Stanno discutendo la legge per regolare gli aborti dopo il referendum e vorrebbero obbligare gli ospedali cattolici a fornire il servizio, fatta salva l’obiezione di coscienza. Come avvenuto in Italia per la legge sulle Dat, l’obiezione potrà essere solo personale e non della struttura, pena la perdita dei contributi pubblici e qualche altro guaio in più.
In Italia sulle Dat il metodo per la risposta l’ha dato il Cottolengo, con una presa di posizione molto coraggiosa. Bisogna notare però che per le Dat è più semplice, perché non occorre prevedere l’organizzazione e la pianificazione di un servizio, come nel caso dell’aborto. Però il principio è simile ed entrambi i casi vanno affrontati dal punto di vista del delicato equilibrio tra Stato e strutture accreditate.
Le richieste di interruzione di gravidanza possono essere tranquillamente soddisfatte dalle strutture pubbliche e dalle convenzionate non cattoliche. Non è un intervento da fare in urgenza, quindi non rientra nei servizi che devono essere garantiti in una zona ristretta. Non so come sia in Irlanda, ma in Italia molti piccoli ospedali mancano di diversi reparti e servizi, anche del pronto soccorso, ma i contributi pubblici naturalmente li ricevono perché danno servizi alla collettività. Un sistema integrato pubblico privato è un sistema in cui il pubblico non arriva a dare tutti i servizi che dovrebbe, e quindi accredita diverse strutture nel territorio perché pubblico statale e privato accreditato, messi insieme, diano tutti i servizi. Il sistema integrato è (o dovrebbe essere) questo, non è un sistema in cui tutte le strutture devono dare tutti i servizi. Già sappiamo qui in Italia che la polemica sugli obiettori è strumentale, perché chi vuole abortire riesce a farlo sempre. Lo Stato non può obbligare il privato a dare certi servizi: se il sistema nel suo insieme ha qualche carenza può magari prevedere degli incentivi, ma se il privato non riesce o non vuole deve provvedere lo Stato.

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento


Powered by WordPress. Theme by H P Nadig