Cronachesorprese

23 aprile 2013

Suicidi Pd

Filed under: cronache — alessandro @

Anche se non sono un elettore del PD (non escludo di votare per qualche candidato che mi piaccia, ma se rimettessero le preferenze di certo mi agevolerebbero nella scelta) sono abbastanza sconcertato di fronte al suicidio politico cui abbiamo assistito con le votazioni per il Presidente della Repubblica. Sconcertato e per nulla soddisfatto. Sono preoccupato. Non c’è più politica in questo paese, e siccome non aspetto (come altri) il funerale della politica sono preoccupato.

Come spiegare le ripetute scelte suicide di Bersani e del suo gruppo dirigente?

Sono così difficili da capire che non le ha capite neanche Alessandra Moretti, fino a poco tempo fa portavoce di Bersani, che venerdì, quando il PD sosteneva Marini, ha votato scheda bianca.

Sono così difficili da capire che cento grandi elettori il giorno dopo non hanno votato Prodi, non uno che passava di lì per caso.

Sono così difficili da capire che alle mazzate da fabbri del discorso di Napolitano di ieri il PD ha applaudito ripetutamente, come se gran parte di quelle reprimende non riguardasse anche loro, come se non avessero dato per giorni in mondovisione lo spettacolo di un partito a brandelli, in cui non c’è più non dico una guida ma neanche il senso di una direzione, dove le pulsioni che si esprimono nei veti, nei “no, quello mai, piuttosto spacco tutto” fluivano copiose dai banchi per riempire le insalatiere di ingiurie e stilettate. Che solo per dovere d’ufficio qualcuno conteggiava come voti.


Powered by WordPress. Theme by H P Nadig