Cronachesorprese

18 settembre 2009

Editrice Google

Filed under: il viandante digitale,reading — alessandro @

L’ennesimo contropiede di Google. Non tutte le azioni di contropiede della G vanno in gol. Questa pare ben impostata e mi auguro che venga finalizzata.

Che poi, pensandoci, ma non sarebbe bello che anche le vere case editrici facessero così almeno per una parte del catalogo? I libri costerebbero meno perché non ci farebbero pagare nel prezzo di copertina anche le copie che vanno al macero.

Ma l’aspetto più affascinante della provocazione di Google (per il momento la considero così ma non mi stupirei se fosse qualcosa di più) è l’opportunità di ristampare tanti titoli ormai fuori dal mercato. Io ristamperei immediatamente l’autobiografia di Chesterton, che avevo comprato una ventina di anni fa. L’ho persa e non sono più riuscito a ritrovarla, nonostante le ricerche anche online (se qualcuno la trovasse la pago bene).

4 commenti »

  1. ottima idea…approfitto del tuo spazio per dire che io cerco Alta Fedeltà di Nick Hornby nell’edizione originale della Guanda. L’avevo, l’ho prestato, è sparito!

    Comment by antonio — 21 settembre 2009 @

  2. ehh, purtroppo leggendo altri articoli sull’argomento ho visto che i titoli disponibili saranno solo quelli la cui prima edizione è antecedente al 1923… comunque se mi capita di vedere il libro che cerchi in qualche bancarella te lo prendo :-)

    Comment by alessandro — 22 settembre 2009 @

  3. GRAZIE dell’attenzione….godo di questo trattamento in quanto fedelissimo lettore delle tue avventure on line?

    Comment by antonio — 25 settembre 2009 @

  4. certo, agli abbonati bisogna pur riservare qualche benefit :-)

    Comment by alessandro — 25 settembre 2009 @

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento


Powered by WordPress. Theme by H P Nadig