Cronachesorprese

31 agosto 2009

L’uovo di oggi della Fieg è marcio

Filed under: cronache — alessandro @

Davvero singolare, di una stranezza lunare l’esposto della Fieg all’Antitrust contro Google news.
La Fieg accusa Google di poca trasparenza, di penalizzare nei risultati della ricerca globale le testate che vogliono rimanere fuori dall’aggregazione di Google news. Ma soprattutto accusano la grande G di “rubare” i contenuti dei giornali online per generare introiti pubblicitari.
Per “contenuto” si intendono il titolo cliccabile, che rimanda direttamente al sito individuato chiaramente come fonte, e le poche righe di anteprima che servono al lettore a decidere se l’articolo interessa o meno. Niente di più di quanto appare nei risultati della ricerca globale, o poco di più. Però per gli editori la ricerca generale va bene, anzi è indispensabile (e di conseguenza va bene ed è legittima la raccolta pubblicitaria che Google opera atttraverso quello strumento), mentre la tematizzazione sulle news (la cui logica è spiegata bene da Google Italia in risposta all’iniziativa della Fieg) non va bene e fa “concorrenza” alle testate online.
Gli editori vorrebbero insomma partecipare direttamente agli utili di Google news, averne una percentuale immediatamente, senza muovere un dito. Non si spiega altrimenti la presa di posizione così netta. Il ragionamento è rozzo ma deve per forza essere questo: notizia online mia; soldi pubblicità generati financo da anteprime di notizie online miei. Meglio un uovo oggi che cercare di capire come un servizio utile ai lettori può covare una gallina non solo di accessi, ma anche di credibilità e reputazione.
Essì cari editori. Perché il servizio comparativo di Google news dice al lettore almeno due cose fondamentali: chi di voi è più tempestivo nel dare una notizia; chi di voi azzecca più frequentemente i criteri di rilevanza fissati dall’algoritmo di Google. Algoritmo che funziona bene anche perché, mi dispiace per voi, avete diritto di sindacare su come è costruito tanto quanto Google ha diritto di sindacare su come Scalfari elabora i contenuti dei suoi editoriali, tanto per fare un esempio di uno che mi è taaanto simpatico.
Io google news lo uso moltissimo. Vado quasi sempre prima lì che da altre parti. Se gli editori pensano di essere più bravi di Google a dare un servizio del genere ci provino, e i lettori giudicheranno. Non sarebbe neanche male come idea: l’aggregatore di news della Fieg. Faciteme vedè.

30 agosto 2009

Blogbabel all’asta

Filed under: cronache — alessandro @

Questo è uno di quei momenti in cui dispiace non aver soldi da investire…

26 agosto 2009

FINIamola

Filed under: cronache — alessandro @

Il poppolo del piddì rispetta coscienziosamente il mandato e fa vibrare l’applausometro a ogni canonica pausa degli interventi del presidente della Camera Gianfranco Fini. Messo a dibattito con Franco Marini ma in realtà giustapposto, monologo contro monologo. Cioè contro, non si esageri. Ognuno parla per sè, via.
Fini è contento e indispettito a un tempo. Cercasi rosso disperatamente, dicono alcune sue piccole impennate oratorie, alcuni accenti. Poi alla fine ci prova anche con i contenuti, addirittura. Lo fa peraltro (per la prima volta nella serata) indisciplinatamente, strappando ancora due o tre battute dopo il suo intervento, prendendo spunto da un accenno dell’intervistatore: “So che molti di voi non saranno d’accordo, ma questo sassolino dalla scarpa me lo devo levare: sono contento che una corte europea abbia riconosciuto che il carabiniere Placanica ha agito per legittima difesa”.
Applausi.
“Ecco… mi fa piacere che siate d’accordo.”
Maddai, non è mica vero, testina. Volevi i fischi. Volevi un 90 per cento di applausi eppoi qualche fischio. Ammettilo.
E comunque la cosa più rossa che ho visto al Porto Antico è il goulasch dello stand fintopolacco. E naturalmente il tramonto. Il rosso sta tornando dove è giusto che stia.

24 agosto 2009

Reboot yourself

Filed under: le specie musicali — alessandro @

Dagli U2 ho finito, dagli U2 riprendo. Li ho visti a ferragosto a Wembley.

Un solo precedente per me. L’emozione del concerto del 1993, il 3 luglio al Bentegodi di Verona, me la ricordo bene. Era diversa, era di altro genere. Impossibile che sia altrimenti: tutto passa e tutto cambia. Però l’esperienza in qualche modo si consolida. Posso dire che gli U2 sono parte della mia vita, posso dire che non riesco a pensare alla mia vita senza un bel po’ della loro musica. Non è certo il gruppo dal quale ho ascoltato la migliore musica, ma è il gruppo che ho sentito per molto tempo eccezionalmente vicino all’espressione di me, delle mie attese, dei miei desideri.

Il concerto di Wembley me lo sono goduto. Ma l’emozione è stata diversa rispetto a sedici anni fa. Non ho seguito molto le ultime produzioni: come è logico e come avviene per tutti i gruppi di successo, anche gli U2 cucinano nuovi brani tendendo a ripetere le ricette che hanno funzionato in passato. Da tempo non ho l’impressione di ascoltare da loro qualcosa di radicalmente nuovo. È fisiologico, e non mi dà fastidio. Li ascolto sempre con piacere, ma con poca attenzione.

È invece indubbio che l’armamentario spettacolare globale dei concerti del quartetto irlandese riesce sempre a superare le attese. Il palco a 360 gradi, hanno scritto sul Times, è qualcosa che starebbe a buon diritto anche nella sala delle turbine della Tate Modern: è arte contemporanea, né più né meno. È una struttura gigantesca e leggera, che elimina o dissimula elegantemente tutti gli aspetti antiestetici di un palco di un grande concerto. È un frullatore in grado di trasformare in qualsiasi momento il live in videoclip e il videoclip in live, il palco in schermo e lo schermo in palco. È un monumento all’elasticità del rock-pop-turningindisco-againrock che sta facendo vincere a Bono e soci la sfida del salto generazionale: guardando il pubblico presente a Wembley non c’è alcun dubbio che piacciano, e molto, ai ventenni. Cioé ai figli di quelli che sono stati testimoni della loro prorompente novità nella corsa dai club di Dublino al Rockpalast festival dell’ 83 e poi oltre, passando per il Live Aid, fino alla conquista dell’America nello storico tour documentato in Rattle and hum.

Sono abbastanza indifferente, da sempre, alle diatribe innescate da quelli che si tormentano a ogni cambio di marcia o di direzione del gruppo. Ora non c’è quasi più nessuno che non riconosce che gli album della svolta degli anni novanta, Achtung baby e Zooropa, sono grandissimi album. Quando Edge rispondeva alle critiche dicendo che sentiva di non aver ancora dato il meglio forse si sbagliava, ma non dubito che fosse sincero. Come è sincera la passione che porta lui e gli altri a organizzare tour sempre più dispendiosi e “magnificenti”, tanto per usare (re-italianizzandola) una parola che a Bono piace molto in questo periodo. Non è per nascondere o far dimenticare qualche scivolone in più nelle performance vocali o chitarristiche. Io penso che gli U2 siano, loro sì, dei grandi comunicatori. Che sono partiti dalla musica (senza mai abbandonarla, anzi) e hanno scalato con anelito quasi da futuristi la multimedialità, la rivoluzione digitale. La seguono e la commentano a modo loro. Anticipano poeticamente forme, potenzialitá e problemi del modello di network che si impone come paradigma di conoscenza e di socialità. Provate a riascoltare Achtung baby in questa chiave, lo troverete sorprendente. Pensate agli occhiali da mosca di Bono come a una metafora (non voluta, semplicemente intuita) dell’homo televisivus che sbatte sulle pareti del nuovo mondo, senza riuscire a entrarvi. Pensate al sogno cosmopolita di Zooropa, alla Vorsprung Durch Technik, al salto che infrange le barriere dello Zoo, i limiti della Station, le pareti della monodirezionalità insomma.
La televisione non fa reboot. Si accende, e poi si spegne.

Non avete avuto sempre l’impressione di un’ambivalenza feconda e non cinica nel modo degli U2 di guardare, usare e raccontare la “tecnica”, che poi è in buona approssimazione la tecnica della comunicazione di massa? Io sì, l’ho sempre avvertita. E ho sempre pensato che fosse sbagliato dissolvere quella ambivalenza in un senso o in un altro, nel senso di una critica orwelliana ai mezzi di comunicazione o nel senso di una delirante esaltazione del “you can go anywhere”. Pensavo che occorreva accoglierla per quello che era, un discorso fatto di musica e poesia, parimenti indifferente alle forme della “denuncia” e dell’entusiasmo tecnofilo.

Dopo Wembley Station, August 15, 2009 ho deciso: non mi sbagliavo.


Powered by WordPress. Theme by H P Nadig