Cronachesorprese

28 giugno 2009

Santorini, il rosso e il nero

Filed under: cronache — alessandro @

santorini

Pochi chilometri quadrati di sutura tra storia umana e storia naturale. Un posto che sarebbe piaciuto all’ultimo Leopardi e che non lascia indifferente nessuno. Come si dice: commuoverebbe anche i sassi. Del resto, a Santorini i sassi si muovono.
L’ultima volta che l’hanno fatto con un certo fragore, nel 1956, è stata tragedia; ma pur sempre poca roba rispetto a tutto ciò che questa parte di Egeo ha visto nel corso dei millenni.

Isola in continua ridefinizione, prima tondeggiante e poi (dopo il grande cataclisma del 1700 circa avanti Cristo) a chela di granchio, Santorini è una vertigine che in un attimo mette a dura prova quell’istiintiva difesa che è la voglia di pensare al tempo costruendo cronologie che, come nelle antiche teogonie, separino nettamente il caos dal cosmos. Quante volte è cambiata qui la forma della terra emersa, anche in epoca storica? L’eruzione che ha fatto sprofondare la caldera ha sepolto Akrotiri, una città antichissima (e probabilmente splendida) che era già abbandonata.
Thyrasia si è staccata; poi il vulcano che si era inghiottito tutta quella roba ha risputato fuori Palia Kameni e Nia Kameni a riempire una piccola parte del vuoto; poi un altro bello scossone ha smozzicato ampie porzioni della costa meridionale. Per citare solo gli eventi più notevoli.

Il rosso e il nero sono niente di metaforico, sono i colori maggioritari di queste pietre così inquiete: un contrasto che dipinge la tensione reale su cui tutto qui vive e vegeta, su cui ogni epoca umana dal neolitico in poi ha cercato di dare stabilità e direzione alle singole costruzioni ed esistenze. Ci sono queste scogliere tagliate come torte millefoglie, scorci stratigrafici a picco sul mare, teche di fossili di commovente bellezza. Da sempre fanno da pantoni alle case, oltre a fornire loro una parte del materiale da costruzione. Come per le abitazioni più antiche di Oia, il bellissimo centro sul bordo nord della caldera in faccia a Thyrasia, distrutto quasi completamente nel 1956. La ricostruzione ha privilegiato il bianco cicladico, ma guardando i vecchi muri si capisce che la Oia di un tempo (così come Fira, Imerovigli e gli altri villaggi affacciati sulla caldera) non staccava così nettamente dalla scogliera, non ambiva ad altro che a riprodurne i colori e le disposizioni, forse in un tentativo inconscio di ingraziarsi le forze titaniche di cui il rosso e il nero sono gli affioramenti. Le striature delle spalle dei Giganti.

Set su Flickr:

Santorini, il rosso e il nero
Cicladi, giugno 2009

27 giugno 2009

Auricchio Pride

Filed under: cronache — alessandro @

Il Commisseerio è vivo e lotta insieme a noi :-)

23 giugno 2009

Cani e notizie

Filed under: cronache — alessandro @

Cane che morde uomo? Uomo che morde cane? Giochetti accademici. Siamo molto oltre. A cominciare dai nomi: di fronte a un Imerio Mariotto che prende come avvocato un Guariente Guarienti anche Gadda cadrebbe in adorazione. Non c’è più nulla da immaginare né tantomeno da scrivere.
Insomma, ditelo che siamo finiti in un film di Totò e Peppino…

4 giugno 2009

Nemesi del nick

Filed under: mail quoting — alessandro @

“…tutto passa attraverso il social (e tutto si condivide).
la cosa buffa (e banale in fondo eh…) è che abbiamo passato anni a nasconderci abitando il web e adesso facciamo di tutto per uscire allo scoperto :)”

3 giugno 2009

Tienanmen, cosa vuol dire “regime”

Filed under: cronache — alessandro @

Il governo cinese fa sapere che il massacro di vent’anni fa fu una misura opportuna per garantire la stabilità necessaria allo sviluppo economico.
Dieci cento mille… Casoria :-D


Powered by WordPress. Theme by H P Nadig